Regolazione delle emozioni e la terapia del trauma: EMDR

La disregolazione emotiva è una caratteristica frequente nei disturbi legati al trauma. Diversi tipi di disregolazione emotiva sembrano essere legati a particolari condizioni psichiatriche, e vi è una evidenza crescente nell’associazione tra i correlati neurobiologici e i modelli riguardanti la disregolazione emotiva. Tuttavia, molte recenti scoperte nel campo della neurobiologia non sono state tradotte nella pratica clinica, e non sono sufficientemente contemplate nelle terapie per il trauma. Sarebbe importante rivedere i recenti sviluppi nel campo della regolazione delle emozioni, in modo da poterli collegare con l’attuazione pratica delle procedure psicoterapeutiche. La valutazione dei modelli di disregolazione emotiva può guidare il processo decisionale durante la terapia in modo indipendente rispetto all’approccio, ma ci sono alcuni risultati che possono essere particolarmente utili per alcune modalità concrete di terapia. In particolare la disregolazione emotiva può influenzare il trattamento EMDR nei disturbi legati al trauma. Sarebbe importante avere una preparazione molto forte e un’esperienza clinica importante, tale da riuscire a gestire i casi più difficili, in cui la disregolazione emotiva può interferire sull’elaborazione del trauma.

Ricordiamoci che l’EMDR è un intervento ben definito e basato su uno specifico protocollo, con un forte supporto empirico e numerose ricerche che ne sostengono la sua efficacia nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico (DPTS) pertanto è uno strumento molto efficace che va gestito con professionalità e preparazione.

Dott.ssa Michela Colarieti

Riferimenti

  • Del Rio-Casanova, L., Gonzalez, A., Páramo, M., Van Dijke, A., e Brenlla, J. (2016b).Le strategie di regolazione delle emozioni nei disturbi legati al trauma: percorsi che collegano la neurobiologia e manifestazioni cliniche.  Neurosci. 27 , 385-395.
  • Gross, JJ (2015).Regolazione delle emozioni: lo stato attuale e le prospettive future.  Inq. 26 , 1-26.
  • Shapiro, F. (1996).Il movimento degli occhi desensibilizzazione e rielaborazione (EMDR): valutazione della ricerca PTSD controllata.  Behav. Ther. Exp. Psichiatria 27 , 209-218.
  • Shapiro, F. (2001).Eye Movement desensibilizzazione e rielaborazione: Principi di base, i protocolli e procedure. 2a ed. (NY: The Guilford Press).
  • Sheppes, G., Suri, G., and Gross, JJ (2015).Regolazione delle emozioni e psicopatologia.  Rev. Clin. Psychol. 11 , 379-405.
  • Solomon, R. Shapiro, F. (2008).EMDR e il modello di elaborazione delle informazioni adattivo: i potenziali meccanismi di cambiamento.  EMDR Pract. Res. 2 , 315-325.
  • Van der Hart, O., Nijenhuis, E., e Steele, K. (2006).Il Hauted Auto: Dissociazione Strutturale e il trattamento dei traumi Chornic (New York: WW Norton & Company).
  • Van der Kolk, B., Spinazzola, J., Blaustein, M., tramoggia, J., tramoggia, E., Korn, D., e Simpson, W. (2007).Uno studio clinico randomizzato di movimento degli occhi desensibilizzazione e rielaborazione (EMDR), fluoxetina, e pillola placebo nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico: effetti del trattamento e la manutenzione a lungo termine.  Clin. Psichiatria 68 , 37-46.
  • Wadlinger, HA e Isaacowitz, DM (2011).Fissaggio la nostra attenzione: l’attenzione di formazione per regolare le emozioni.  Soc. Psychol. Rev. 15 , 75-102.
  • Wilson, DL, argento, SM, Covi, WG, e Foster, S. (1996).Il movimento degli occhi desensibilizzazione e rielaborazione: efficacia e correlati autonomiche.  Behav. Ther. Exp. Psichiatria 27 , 219-229.

Dott.ssa Michela Colarieti

Condividi questo Articolo!